Informazioni specializzate per il settore immobiliare

https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2019/05/01_Il-precetto-per-rilascio-ed-il-preavviso-di-sloggio-con-i-relativi-modelli-1.jpg

Precetto, dal latino praeceptum e letteralmente prescrivere, ordinare, insegnare definito in campo giuridico come “l’ultimatum per l’adempimento”, ovvero l’ultima richiesta che il creditore fa nei confronti del debitore prima di dare il via all’esecuzione forzata. Esso è prodromico a qualsiasi tipo di esecuzione di cui si voglia dare il là che sia dunque un espropriazione di beni mobili (pignoramento mobiliare), di immobili (pignoramento immobiliare), sia che si voglia pignorare il conto in banca o il quinto dello stipendio o...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2019/02/02_Tutti-i-termini-del-pignoramento.jpg

Col termine pignoramento definiamo l’atto, a struttura complessa, perché in parte redatto dal creditore ed in parte dall’ufficiale giudiziario mediante il quale ha inizio l’espropriazione forzata disciplinato dal Libro III del Codice di Procedura Civile. Presupposto affinché si possa procedere è la presenza di un titolo esecutivo e del precetto, titolo esecutivo che deve essere notificato precedentemente o anche contestualmente alla notifica del precetto ex art. 479 c.p.c., anche se la violazione di tale disposizione...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2018/06/03_Il-pignoramento-immobiliare-NON-si-estingue-alla-quarta-asta.jpg

Nel 2016 è girata per la rete (per i motivi che spiegheremo in seguito) una autentica bomba sulle aste immobiliari, ossia che dopo tre tentativi andati deserti se ne sarebbe tenuto un quarto, a prezzo libero (tra l’altro a prezzo libero avrebbe potuto significare che si poteva aggiudicare un immobile anche con 100 euro, motivo per cui chi scrive dubita che una sola esecuzione si sarebbe conclusa con l’ultima andata deserta di fronte alla possibilità...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2018/05/04_Quanto-costa-un-pignoramento-immobiliare.jpg

Un creditore munito di titolo esecutivo attestante un determinato di credito, dopo la notifica di un atto di precetto, col quale viene intimato al debitore di pagare entro un termine non inferiore a 10 giorni, qualora non sia riuscito bonariamente ad ottenere la soddisfazione delle proprie legittime pretese creditorie, può procedere con una procedura di espropriazione forzata sui beni di quest’ultimo, al fine di convertirli in denaro ed ottenere quindi una soddisfazione del proprio diritto...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2017/07/05_Art-495-cpc-la-conversione-del-pignoramento-nellesecuzione-immobiliare.jpg

L’art. 495 cpc disciplina l’istituto della conversione del pignoramento. In tal modo, dunque, si avrà una continuazione della procedura esecutiva immobiliare, ma su un bene diverso, ovvero su una somma denaro (non è concessa, dunque, quando oggetto del pignoramento è già una somma di denaro, mentre è ammessa in caso di pignoramenti di crediti). La conversione del pignoramento costituisce, dunque, uno strumento ulteriore per il debitore (oltre al pagamento nelle mani dell’ufficiale giudiziario ex art....


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2017/04/06_Decreto-Ingiuntivo-cos’è-condizioni-di-ammissibilità-procedura-e-termini-per-l’opposizione.jpg

  Cosa s’intende per decreto ingiuntivo? Il Decreto Ingiuntivo (D.I. per i tecnici del diritto) è disciplinato, all’interno del nostro Codice di Procedura Civile, nel Libro IV relativo ai procedimenti speciali e precipuamente nel Capo I  del Titolo I riguardante i procedimenti sommari agli artt. 633 e seguenti. Si propone tramite ricorso ed è il provvedimento attraverso cui il titolare di un diritto di credito certo, liquido ed esigibile, fondato su prova scritta ingiunge l’obbligato...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2017/03/07_L’atto-di-precetto-contenuto-spese-termini-e-opposizione.jpg

Cosa è il Precetto Il primo comma dell’art. 480 c.p.c.chiarisce che l’atto di  precetto:“consiste nell’intimazione di adempiere l’obbligo risultante dal titolo esecutivo entro un termine non minore di dieci giorni, con l’avvertimento che in mancanza, si procederà all’esecuzione forzata”. Il precetto è, sostanzialmente, l’atto attraverso il quale il creditore manifesta la propria volontà di procedere ad esecuzione forzata nei confronti del proprio debitore ed è da considerarsi prodromico rispetto all’avvio della vera procedura esecutiva. Esso...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2017/01/08_I-limiti-a-Equitalia-nell’esecuzione-immobiliare.jpg

  La normativa relativa al comportamento della società di riscossione Equitalia all’interno delle procedure esecutive immobiliari è racchiuso nella sezione V del D.P.R 29.09.1973 n. 602. In particolare all’art. 76, così come modificato dall’art. 52 D.L. 21.6.2013 n. 69. In tale norma si dispone che l’agente della riscossione (Equitalia) non può dare corso ad un procedimento di esecuzione immobiliare se l’immobile oggetto della stessa è unico immobile di proprietà del debitore (con esclusione delle abitazioni...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2016/11/09_Opponibilità-nell’esecuzione-immobiliare.jpg

Con l’entrata in vigore del D. Lgs. n. 154 del 28 dicembre 2013, la materia dell’assegnazione della casa familiare è attualmente disciplinata dall’art. 337-sexies del codice civile (che non ha apportato modifiche, se non nell’ultima parte, rispetto all’abrogato art. 155-quater), col quale il nostro legislatore conferma l’importanza dell’ambiente domestico, inteso come “il centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si articola la vita familiare”, tutelando, in tal modo i figli minori o...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2016/10/10_La-direttiva-mutui-dell’UE-e-le-misure-per-ottenere-il-miglior-prezzo-dall’immobile-pignorato.jpg

Molti erroneamente ritengono che il pignoramento immobiliare sia  indirizzato unicamente a favorire i creditori a discapito del povero debitore esecutato, ma non è così, infatti gli interessi sottesi alla procedura esecutiva, alla efficacia, efficienza e migliore realizzazione del credito sono direttamente o indirettamente legati sia al prezzo di aggiudicazione sia alla posizione stessa del debitore. Evitare la vendita dell’immobile del debitore un prezzo vile ha il duplice vantaggio di favorire una migliore soddisfazione dei creditori...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2016/09/11_Il-Ruolo-dell’Esperto-Consulente-Tecnico-d’Ufficio-Nell’Esecuzione-Immobiliare.jpg

L’esecuzione immobiliare ha inizio con la notifica dell’atto di pignoramento e successiva trascrizione presso l’Ufficio del Territorio (gia’ Conservatoria dei Registri Immobiliari) di un atto nel quale si indicano, gli estremi richiesti del Codice civile per l’individuazione dell’immobile ipotecato che si intende sottoporre ad esecuzione e consiste in un’ingiunzione che l’Ufficiale Giudiziario fa al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito, esattamente indicato, i beni che si assoggettano al...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2016/07/12_Modello-di-opposizione-agli-atti-esecutivi-per-deposito-tardivo-dell’istanza-di-vendita-–-Accoglimento-del-Ge-ed-estinzione-del-pignoramento.jpg

Affrontiamo oggi l’argomento del deposito tardivo dell’istanza di vendita e della conseguente cessazione dell’efficacia del pignoramento ex art. 497 c.p.c. contestabili con opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 cpc, mettendo a disposizione dei nostri lettori anche la copia dell’opposizione da poter usare come modello ed il relativo provvedimento del Ge che ha ordinato in un caso concreto la cancellazione del pignoramento. L’istanza di vendita  deve ritenersi tardiva quando viene depositata oltre il termine di 45 giorni...


Sei alla ricerca di uno Studio specializzato nel settore immobiliare cui affidarti?

Rivista tematica a carattere giuridico a cura di

https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2020/06/logo_dAmbrosio_OK.png

NAPOLI

Via Posillipo, 56/85
Tel. 081.4206164
Fax 081.0105891

MILANO

Via F. Reina, 28
Tel. 02.87198398
Fax 02.87163558

ROMA

Via dei Gracchi, 91
Via Catone, 3
Tel. 06.92927916

BRESCIA

Via Aldo Moro, 13
(Palazzo Mercurio)
Tel. 030.7777136