Informazioni specializzate per il settore immobiliare

https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2019/10/01_Tutti-i-termini-dello-sfratto-per-morosità.jpg

Lo sfratto per morosità è un procedimento sommario speciale che consente al locatore, in tempi notevolmente più brevi rispetto al rito ordinario, il rilascio e la riconsegna dell’immobile in virtù di una morosità da parte del conduttore. Il locatore rappresentato da un legale iscritto all’albo chiederà, al Giudice del Tribunale Ordinario Civile competente, ovvero quello del luogo in cui si trova la cosa locata, l’emissione di un provvedimento esecutivo cd. Intimazione di convalida di sfratto...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2019/05/02_Sfratto-per-morosità-lesecuzione-per-ottenere-il-rilascio-tempi-costi-e-procedura.jpg

Lo sfratto per morosità regolato all’art. 658 c.p.c.consta normalmente  di due fasi: la prima, giudiziale (svolta davanti ad un giudice) volta ad ottenere il titolo esecutivo (ordinanza con la quale si convalida lo sfratto e si ordina la liberazione dell’immobile, per saperne di più sullo sfratto si legga anche  Lo sfratto per morosità, procedura, tempi, costi e modello di intimazione ). Terminata poi questa prima fase e qualora il conduttore non provveda a liberare “spontaneamente” l’immobile...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2018/05/03_Opposizione-allo-sfratto-ordinanza-provvisoria-di-rilascio-e-procedura-conseguente-al-mutamento-del-rito.jpg

Il procedimento per convalida di sfratto ha natura sommaria ed è disciplinato agli artt. 657 e ss del c.p.c.. È attivabile dal locatore in diverse ipotesi, tra cui rientra quella in cui il conduttore sia moroso nel pagamento di alcuni canoni. In tal caso il locatore potrà notificare un atto di citazione al conduttore, che avrà da tale data 20 gg per difendersi in giudizio. Da qui sono prospettabili diversi possibili scenari. Il conduttore non...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2017/05/02_L’aggiornamento-Istat-nella-locazione-commerciale-nullità-della-richiesta-automatica-la-data-da-cui-calcolare-gli-aggiornamenti.jpg

La nullità della richiesta automatica In merito alla possibilità di inserire una clausola nel contratto di locazione commerciale che prevede l’aggiornamento automatico (senza richiesta del locatore), nonostante tale clausola sia molto frequente, la Cassazione si è espressa più volte in senso contrario, per tutte si legga Cass 3014/2012 che ha statuito che “la clausola di un contratto di locazione con la quale le parti convengano l’aggiornamento automatico del canone su base annuale (a seguito della modifica dell’art....


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2017/05/04_Decreto-ingiuntivo-provvisoriamente-esecutivo-per-i-canoni-di-locazione.jpg

Il nostro legislatore dà la facoltà al locatore, nel caso voglia intimare al conduttore lo sfratto per morosità (art. 658 c.p.c.), di ottenere un’ingiunzione di pagamento per i canoni pregressi e da scadere fino all’esecuzione dello sfratto. Questa possibilità è prevista espressamente dall’art. 664 c.p.c. in combinato disposto con l’art. 658 c.p.c. che consente  al locatore di chiedere al giudice, nello stesso atto in cui intima al conduttore moroso lo sfratto, l’ingiunzione di pagamento per...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2016/06/05_Contratto-di-Locazione-commerciale-la-sanatoria-della-morosità-e-il-Grave-inadempimento-.jpg

Le locazioni trovano la loro disciplina tanto nel Codice Civile quanto in diverse leggi specifiche (L. 392/78 e L. 431/1998 e successive modifiche). Il combinato disposto agli artt. 1453 e 1455 del Codice Civile, prevede che nei contratti a prestazioni corrispettive (tra cui rientra il contratto di locazione) quando uno dei contraenti non adempie le sue obbligazioni, l’altro può chiedere la risoluzione del contratto. La legge 392 del 1978, detta la disciplina per le locazioni...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2015/10/06_Opposizione-allo-sfratto-per-morosità-tempi-e-procedura.jpg

Cosa accade quando all’udienza fissata per la convalida l’intimato compare e si oppone alla procedura? L’art.665 cpc dispone che “se l’intimato comparisce e oppone eccezioni non fondate su prova scritta, il giudice, su istanza del locatore, se non sussistono gravi motivi in contrario, pronuncia ordinanza non impugnabile di rilascio con riserva delle eccezioni del convenuto. L’ordinanza è immediatamente esecutiva, ma può essere subordinata alla prestazione di una cauzione per i danni e le spese.” L’intimante...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2014/10/07_Art-660-cpc-la-notifica-dello-sfratto-per-morosità-Guida-a-tempi-e-cautele.jpg

(Entro 10 secondi sarai reindirizzato automaticamente all’articolo aggiornato nella pagina del sito dello studio, per non attendere clicca Qui) Lo sfratto è spesso sottovalutato in quanto essendo un procedimento sommario è ritenuto erroneamente, da chi è poco esperto della materia, più semplice, in realtà alcuni aspetti procedurali  e le relative cautele previste dal legislatore, in particolar modo in tema di notificazione ex art 660 cpc, fanno sì che il legale che vi provvede, quando non...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2014/06/09_Affitto-in-nero-ottenuto-il-primo-sfratto-da-un-contratto-non-registrato-dopo-l’art.-5-comma-1-ter-della-L.8014-vediamo-come-fare.jpg

In occasione del nostro primo sfratto (ancora una volta primi in Italia) ottenuto rispetto a un contratto registrato all’Agenzia delle Entrate ex art. 3 commi 8 e 9 dlgs 23/2011, a soli 12 giorni dal 28 maggio data di entrata in vigore  dell’art 5 comma 1-ter della L.80/14 che testualmente recita: “Sono fatti salvi, fino alla data del 31.12.2015, gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla base dei contratti di locazione registrati ai...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2014/05/10_IRPEF-Seconda-casa-LE-NOVITA’-2014.jpg

Analisi delle ultime tre cervellotiche discipline del regime irpef sulle case non locate, e una PROPOSTA DI RIFORMA CHE armonizzi IMU ed IRPEF allo scopo di combattere L’EVASIONE nel pieno rispetto DELLA SENTENZA 50/2014 DELLA CORTE COSTITUZIONALE e dell’illegittimità dell’art 3 dlgs 23/2011 Parliamo (in approfondimento al nostro articolo su Forexinfo dal titolo “IRPEF CASE SFITTE: LE NOVITA’ 2014“) di IRPEF Seconda casa analizzando  le novità del 2014 anche alla luce delle ultime tre cervellotiche discipline...


https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2014/03/11_Corte-Costituzionale-illegittimo-dlgs-232011-conseguenze-e-rimedi.jpg

Non per spegnere i comprensibilissimi entusiasmi di molti proprietari, ma è opportuno nell’interesse di tutti  sottolineare alcuni aspetti della ormai famosa sentenza n 50/2014 della Corte Costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità dell’art. 3 commi 8 e 9 dlgs 23/2011 che prevedeva l’autoriduzione del canone al triplo della rendita catastale in caso di denuncia dell’inquilino dell’affitto in nero: La Corte Costituzionale ( si legga al riguardo il nostro articolo “Affitto in nero, tutto come previsto: La...


Sei alla ricerca di uno Studio specializzato nel settore immobiliare cui affidarti?

Rivista tematica a carattere giuridico a cura di

https://dirittoimmobiliare.org/wp-content/uploads/2020/06/logo_dAmbrosio_OK.png

NAPOLI

Via Posillipo, 56/85
Tel. 081.4206164
Fax 081.0105891

MILANO

Via F. Reina, 28
Tel. 02.87198398
Fax 02.87163558

ROMA

Via dei Gracchi, 91
Via Catone, 3
Tel. 06.92927916

BRESCIA

Via Aldo Moro, 13
(Palazzo Mercurio)
Tel. 030.7777136